Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Week end Low Cost a Siviglia

Un week end a Siviglia, vuol dire calarsi nell’ epicentro del nuovo lifestyle andaluso, che non rinnega le tradizioni. Come il flamenco, ballo gitano a cui si ispirano anche i giovani stilisti e gli interior designer protagonisti dello stile neo-riad, fusion fra retaggi della dominazione araba e gusto contemporaneo, che caratterizza oggi atelier e alberghi del quartiere più creativo della città, il Barrio di Santa Cruz.

Qui Las Casas del Rey de Baeza, in un palazzotto del 1248, accosta dettagli rustici a un gusto minimal. Ha un patio acciottolato, balconate blu-cobalto e tendine di iuta. Il Petit Palace Santa Cruz, aperto due anni fa, rivisita in chiave design una casa-palazzo del XVIII secolo. Con esiti felici: poltroncine al posto delle fontanelle del patio, soffitti neri in contrasto con le balconate bianche, camere ipermoderne e un’unica stanza al pianoterra che ha conservato nelle travi e nelle piastrelle maiolicate le tracce del passato.

Sempre nel barrio di Santa Cruz, un altro indirizzo creativo è l’eclettica Casa del Maestro del nipote del chitarrista flamenco Niño Ricardo, che in questa casa di ringhiera ha raccolto ricordi di viaggio e tessuti indiani e marocchini. Non c’è ascensore, le camere sono coloratissime e sempre con i fiori freschi, la prima colazione non ha limiti di orario. Su una straduzza dello stesso quartiere si apre il patio del Corral del Rey, inaugurato un anno fa. È qui che il neo-riad tocca il suo apice più chic. Spot di nuova generazione illuminano gli archi, lampade di fattura orientale danno luce al bancone del bar. Tra specchi, arazzi e mobili di arte povera, si arriva alle sei camere arredate con tessuti indiani e caucasici.

In pochi passi si raggiunge la zona di calle Cuna, hot-spot dello shopping sivigliano. La boutique di Pilar Vera, nella calle Rivero, è un’icona della nuova moda flamenca: per quest’anno, maniche dai grandi volumi, tessuti patchwork, viola e azzurri accostati al rosso e all’arancione.
A Siviglia cenare è out. Meglio concedersi il piacere lento e sociale di tapear: un buon indirizzo è il bar Becerríta (Recaredo 9).

Da Siviglia, in un paio d’ore d’auto verso nord, si arriva a Cordova, piccola e segreta. Andando verso sud, invece, si fa tappa a Ronda, cuore dell’Andalusia. Villaggi bianchi e fascinose masserie, grandi vini e sterminate tenute dove ancora si allevano tori da combattimento. Con l’Africa sullo sfondo. Prenota il tuo Volo Low Cost per Siviglia.

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

  1. Arevals Dice,

    Ciao, sono italiana e vivo a Siviglia da un paio d’anni.
    Da poco ho creato un blog, nel quale è possibile trovare informazioni interessanti sulla città. Vi lascio il link, se volete visitarlo e farvi un giretto da queste parti!
    http://arevalsclassteam.blogspot.com/
    un beso
    Arevals

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra