Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Sciare sul vulcano più alto d’Europa

Sciare su un vulcano, e in particolare sull’Etna, offre sensazioni uniche e irripetibili grazie al continuo contrasto offerto dal paesaggio. Una varietà di panorami infatti, si susseguono sotto gli occhi stupefatti dell’osservatore che difficilmente rimane impassibile a tale spettacolo della natura.
Il contrasto delle colate laviche nere con il candore la neve sullo sfondo blu del Mar Ionio e di Taormina, stupisce per l’incantevole bellezza.
L’inizio della stagione sciistica in genere cade tra Dicembre e Gennaio malgrado siano date approssimative tenuto conto dei fattori climatici variabili che caratterizzano la Sicilia. A seguito delle eruzioni del 2001 e del 2002 però purtroppo l’Etna ha perso gli impianti sciistici di Linguaglossa e di Nicolosi e sono rimasti in funzione soltanto gli impianti per lo sci alpinismo e lo sci da fondo che costituiscono un’utenza di nicchia.

Coloro che volessero godere delle meraviglie offerte dal vulcano lontani dalle piste da sci e immersi nel silenzio della natura, possono optare per lo sci alpinismo. Non sono poche le persone che praticano questo sport che prevede una vera e propria escursione in risalita, seguita da una discesa in fuoripista. Naturalmente bisogna essere degli ottimi sciatori per poter affrontare  con  sicurezza le numerose condizioni di innevamento. Una volta acquisita la giusta esperienza però, è possibile arrivare ovunque superando anche pendenze notevoli che difficilmente potrebbero essere affrontate a piedi. E’ possibile inoltre, avventurasi con gli sci ai piedi in quasi tutti i versanti dell’Etna seguendo i sentieri della forestale.
Un’altra attività sciistica che permette maggiori possibilità spaziando nel territorio del parco è lo sci di fondo. Infatti i fondisti possono scegliere se praticare questo sport nei percorsi vicini alle località sciistiche di Nicolosi (Piano Vetore) o di Linguaglossa (Piano Provenzana) oppure effettuare delle vere e proprie escursioni. Solitamente l’innevamento adeguato per permettere lo sci da fondo è presente da quota 1800 mt in su. A queste altitudini risulta molto piacevole scivolare tra i folti boschi di pini e betulle che si alternano a spazi aperti. Un altra attività è lo snowboard cioè lo scivolare sulla neve con delle apposite tavole simili a quelle che si usano per lo skateboard. Le piste dell’Etna offrono agli amanti di questa variabile numerose opportunità di fuoripista grazie all’assenza di alberi oltre i 2000 metri.

Il Parco dell’Etna
Fu il primo ad essere istituito in Sicilia (nel marzo 1987) allo scopo di tutelare lo straordinario patrimonio naturale del vulcano più grande d’Europa e di gestire correttamente l’ambiente e lo sviluppo sostenibile del territorio. L’Etna, Mons Gebel (Mongibello) come lo chiamavano gli Arabi, era considerato dagli antichi una sorta di divinità da temere e rispettare e ancora oggi per i siciliani il vulcano è la Montagna per eccellenza, o meglio ‘a muntagna’. Formatosi circa 500mila anni fa, in seguito alla sovrapposizione di prodotti eruttivi, il vulcano è alto 3.346 metri e il suo diametro alla base supera il 40 km mentre la sua circonferenza raggiunge i 250 km.
L’Etna presenta quattro bocche sommitali eruttive (Bocca Nuova, Centrale, Sud Est, Nord Est) e numerosi crateri laterali o bocche avventizie sparse sui fianchi del cratere, fino a quote di poche centinaia di metri sul livello del mare. Le zone che sono state attraversate da colate recenti sono caratterizzate da un ambiente desertico dove nessuna forma di vita vegetale o animale è presente. Le zone interessate da antiche colate invece, sono molto fertili e ricche di vita.

L’interazione tra questi ambienti differenti ha determinato l’evoluzione di una straordinaria varietà di paesaggi naturali. L’Etna è particolare per diverse ragioni. Innanzi tutto ha il primato circa il numero di eruzioni fra tutti i vulcani esistenti su questo pianeta, la sua prima eruzione storicamente documentata risale circa al 1500 d.C. Il numero complessivo delle eruzioni da allora è di 209 sino al 1993. A queste va aggiunta adesso la persistente attività al vertice dell’Etna, iniziata nell’estate del 1995. Un’altra caratteristica consiste nel fatto che il vulcano giace in un territorio densamente popolato. La lava caduta secondo le storiche eruzioni dall’Etna ha coperto intere aree adesso occupate da villaggi e da località turistiche.
Il Parco dell’Etna si estende su una superficie di 59mila ettari e ricade interamente nella provincia di Catania interessando il territorio di 20 Comuni: Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Castiglione di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Maletto, Mascali, Milo, Nicolosi, Pedare, Piedimonte Etneo, Ragalna, Randazzo, Sant’Alfio, S. Maria di Licodia, Trecastagni, Viagrande e Zafferana Etnea.

Il parco è diviso in 4 zone: la zona A (19mila ettari) che interessa un vasto tratto di territorio che va da quota 870 mila metri sul livello del mare, nella zona di Monte Minardo, nel versante occidentale, sino ai crateri sommitali, a 3.300 metri. E’ di proprietà pubblica e presenta una natura incontaminata. Non ci sono insediamenti abitativi di alcun genere se si fa eccezione per i casolari utilizzati dai pastori nel periodo estivo e per alcuni rifugi forestali. In questa zona è vietato cacciare, tagliare alberi, modificare l’equilibrio idrico, aprire piste forestali, praticare attività estrattive, di costruzione di edifici di qualunque genere, di transito con veicoli a motore. Dopo questa fascia si incontrano le formazioni pulviniformi ad astralago e poi formazioni forestali vere e proprie  notevolmente estese: faggete, betulleti, pinete a pino  laricio, querceti di cerro e nelle parti più basse boschi di roverella e leccio. 

La zona B (26mila ettari),  è presente nei quattro versanti e raggiunge la massima altitudine, 1880 metri, in contrada Vetore nel versante sud, mentre la quota più bassa è toccata a Monte Gorna, nel versante est. E’ ricoperta da formazioni natrurali di pino laricio, cerro, roverella, leccio oltre che da castagneti, vigneti e noccioleti. Sono presenti colate laviche recenti (1983) ed antiche. Famose le lave cordate di Piano Dammusi nel versante nord e di Piano dei Grilli nel versante Ovest. Ciò che contraddistingue la zona B è l’esistenza di un’attività agricola straordinaria presente da secoli. Grazie all’azione dell’uomo sono stati creati, pometi, pereti, vigneti per lo più adagiati su terrazzamenti, incisi sul fianco della montagna. Particolare fama hanno raggiunto per bontà dei prodotti, i pistacchieti di Bronte, i vigneti di Castiglione, i noccioleti di Sant’Alfio, i pereti e i meleti della Tardaria e Milia. In seguito all’istituzione del Parco in queste zone sono state vietate le nuove costruzioni a scopo residenziale, mentre è stato consentita la costruzione di strutture a servizio dell’agricoltura. Gli altri divieti riguardano la caccia, le attivtà estrattive, la modifica del regime delle acque e il danneggiamento della flora e della fauna. All’interno della zona sono stati individuati dei punti base per l’escusionismo. Si tratta in genere di antiche masserie, alcune di notevole pregio architettonico, che vanno restaurate.

La zona C (4mila ettari) fa parte del Preparco e interessa quote più basse del vulcano tra i 600 e gli 800 metri sul livello del mare, non molto distante dai centri abitati. Il paesaggio è fortemente contrassegnato da colture agricole ad ulivi, castagni, viti, mandorli e pistacchi nel versante occidentale, noccioli in quello orientale. Qui è vietata la costruzione di seconde case perchè contrariamente alle strutture ricettive sono considerate incompatibili con le finalità del parco. Sono proibite la caccia, l’attività estrattiva, l’introduzione di specie animali e vegetali.
La zona D (10 mila ettari) è la fascia esterna del Preparco iniziando dalla quota più bassa di 580 metri in contrada Petrulli nel comune di Zafferana Etnea. In questa zona fortemente antropizzata, sono presenti dei relitti di bosco di querce, mentre sono molto estese le coltivazioni di ulivo, mandorlo, pistacchio e di ficodindia. In questa fascia è consentita la costruzione di case rurali e sono consentite anche le attività agricole zootecniche, selvicolturali, artigianali ed industriali comprese quelle estrattive per consentire uno sviluppo che non stravolga le attività del parco stesso.

Le grotte
Nel parco dell’Etna si trovano diverse grotte (se ne conoscono circa 200) parecchie delle quali molto suggestive e interessanti. Note sin dall’antichità, sono state utilizzate dall’uomo come luoghi sacri o di sepolutura (nei dintorni di Catania, San Gregorio, Adrano, Maniace), ripari per viandanti (grotta dei Faggi, sopra Nicolosi), luoghi destinati all’accumulo di neve che veniva utilizzato per refrigerarsi in estate (grotta di Casa del Vescovo, grotta dei Ladri). Alcune grotte sono particolarmente rinomate come la grotta del Gelo, con un ghiacciaio perenne al suo interno, la grotta delle Palombe, a nord dei monti Rossi di Nicolosi o la grotta dei Lamponi (800 metri di sviluppo lineare), sul versante nord dell’Etna che custodisce  un affascinante campo di lave. Il primato per quanto riguarda la grandezza appartiene alla grotta dei Tre livelli che raggiunge i 1100 metri.

Informazioni: www.parcoetna.ct.it

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra