Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Rilassarsi tra le piste in Val Passiria

Il paese più soleggiato dell’Alta Val Passiria, con boschi incontaminati, locande accoglienti e baite – gourmand. Ma a fine estate chiudeva i battenti. Quest’inverno, per la prima volta, si è deciso di tenere aperti hotel e ristoranti per gli sciatori, e di cambiare vocazione turistica, inaugurando la pista da fondo, organizzando escursioni con le racchette da neve e passeggiate di notte con le fiaccole. Stulles, una trentina di chilometri a nord di Merano e a mezz’ora dal Passo Rombo (porta d’accesso per l’Austria), poco più di 400 anime, bei masi d’alta montagna e alberghi accoglienti (molti con area wellness), si candida a nuova meta del turismo invernale. Non ci sono negozi (solo un piccolo supermercato), né locali alla moda, ma la terza cascata più alta d’Europa e i quasi tremila metri del Monte Altacroce. Certo, passeggiate con racchette da neve, freeclimbing – anche d’inverno – e gite con lo slittino si praticano da tempo. Mancava però una pista per lo sci nordico, che ora si snoda per più di un chilometro sulla pianura sopra il borgo. Per raggiungerla basta imboccare la strada che dalla chiesa del paese sale per circa 2 chilometri fino alla malga Morx Puite, di Oskar e Ilse Widmann, aperta il sabato e la domenica (cell. 349.80.51.982). Qui si ordinano ottimi piatti spendendo poco più di 10 euro: canederli di speck e spinaci in brodo, gnocchi al formaggio. Le grappe, a base di genziana, cumino e sambuco, o di mirtillo nero e rosso sono tutte prodotte in casa. Bisogna rivolgersi a Oskar Widmann anche per sperimentare (su prenotazione) il trekking con gli asini, altra novità nel panorama delle iniziative invernali di Stulles. Queste escursioni si spingono al Passo Giovo: tre ore di passeggiata tra boschi e ruscelli in groppa agli animali (oppure a piedi), con pic nic compreso nel prezzo (12 €, bambini 9 €, cell. 348.44.46.717). Per dormire, l’Hotel Kronhof(tel. 0473.64.95.66, mezza pensione da 48 €), è un 3 stelle ai piedi del paese e un bell’esempio di architettura montana, con camere in legno di larice e tanta luce. A fine giornata si può godere dei benefici della sauna, della piscina coperta e dell’innovativa cabina a raggi infrarossi che, grazie all’ipertermia, assicura all’organismo un’azione rigenerante e depurativa. L’albergo ha anche cinque appartamenti in grado di ospitare fino a sei persone (tariffe da 47 € al giorno per due persone) e, per chi lo desidera, di usufruire dei servizi dell’hotel: prima colazione e mezza pensione anche in appartamento pagando un supplemento di 7 e 20 €. Prima di lasciare il paese, merita una sosta Wegerhof (tel. 0473.64.96.02), piccolo produttore di formaggi proprio sotto l’Hotel Kronhof. Qui si acquistano yogurt, formaggi al pepe verde, al timo e al peperoncino, oppure stagionati nel vino.

Per lo sci da discesa, bisogna spostarsi a Plan, nel cuore del Parco Naturale Gruppo di Tessa, il più grande dell’Alto Adige. Dal 26 dicembre, il paese è chiuso al traffico automobilistico. Il suo centro si raggiunge grazie al bus-navetta (gratuita) che da Stulles porta a Plan in 20 minuti, oppure con un trenino su ruota che ogni 6 minuti permette agli sciatori di raggiungere quattro impianti di risalita, cinque chilometri di tracciati da discesa, 17 di anelli da fondo, un campo di pattinaggio, tre piste per slitte (8,5 km). E attrezzature avveniristiche: la funivia Grünboden Kombi-Bahn di Plan, inaugurata l’8 dicembre, è la prima al mondo ad alternare, in un unico impianto, cabine a otto persone e palanchi a sei con riscaldamento, permettendo così di trasportare contemporaneamente sci e slitte. Il paradiso escursionistico ai piedi dell’Altissima (3482 m) offre davvero il meglio del divertimento invernale, la sicurezza di avere sempre neve sulle piste e di non trovare ressa agli impianti perché Plan è tagliato fuori dal turismo di massa. La stagione sciistica si protrae fino al 6 aprile. I prezzi? Contenuti, se si considera che il costo del giornaliero diminuisce a mano a mano che si ritarda l’inizio dell’attività sciistica. Se si acquista il giornaliero alle 9, si spendono 21,50 €, ma alle 11 e alle 12 il prezzo scende rispettivamente a 19,50 e 17,50, fino a 13,50 per due ore pomeridiane. Convenienti anche i pacchetti: tre giorni di skipass costano solo 49,50 € (bambini 36 €).
Per dormire a Plan: l’albergo Pöhl, in centro, con un ottimo ristorante (tel. 0473.64.67.49, doppia b&b da 60 €), oppure l’accogliente Residence Texel, 3 stelle con piscina e area giochi per bambini e appartamenti fino a sei persone (Plan 35, tel. 0473.64.67.19, da 73 € al giorno per due persone).

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra