Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Magie d’Europa

Intarsi di luci, corolle d’agrifoglio, abeti dapertutto. Anche il cemento più grigio si nobilita in questo periodo dell’anno. Nonostante gli ingorghi d’auto e persone, dicembre è il mese più magico per visitare le città d’Europa che per tradizione si animano di mercatini. E le tradizioni non si discutono! Anche quando impongono piccoli disagi, come restare per qualche giorno senza corrente elettrica. Accade a Bad Gleichenberg, nella regione termale della Stiria, dove è usanza festeggiare “sou wia ‘s früahrer wor”, com’era una volta, senza luce e senza alcolici. Qui, nel cuore verde dell’Austria, l’Avvento risveglia i leggendari Krampus (diaboliche creature mascherate) che sfilano in cortei sulle strade tappezzate di bancarelle. I mercatini di Natale crescono ovunque e corrono lungo i bordi delle vasche d’acqua termale. Shopping & wellness è la formula per un soggiorno a Loipersdorf, nel Thermenpark di Bad Blumau dove si allestisce il Sentiero dell’Avvento e a Bad Radkersburg che ospita il mercatino del Bambin Gesù.

Le terme non sono l’unica location inedita dei mercatini. Nella Repubblica Ceca si svolgono dentro le fortezze, nelle corti delle tenute nobiliari e dietro le mura di castelli. Animati da musica e performance teatrali: il mercatino dell’imponente maniero gotico Krivoklát, le sale del castello boemo Karlštejn e i sotterranei del più barocco Slavkov . Per finire nelle miniere di Príbram dove, a bordo di carrelli, si visita la mostra di presepi. Usi e costumi diversi nel borgo medievale Ceský Krumlov , nella Boemia meridionale, dove il 24 dicembre si festeggia il Natale degli Orsi. L’antica tradizione vuole, che adulti e bambini portino i loro regali agli orsi che abitano nel fossato del castello della città.

Cornice spettacolare per il mercatino danese Krusmølle, dentro un antico mulino a Felstedskov, presso Aabenraa. Con le bancarelle, arrivano anche i villaggi di Natale e i musei a cielo aperto che in Danimarca contribuiscono a creare quella magica atmosfera tipica del Natale e che gli scandinavi chiamano “hygge”. Si respira ad Århus dove il museo all’aperto ospita 30 mostre sul tema Natale e dove ogni weekend si svolge un mercatino in costume d’epoca. E a Horsens , nello Jutland orientale, dove nelle 28 casette di legno colorate si vendono: dolci, decorazioni, cappelli di feltro, e mandorle appena tostate. L’appuntamento più goloso è tra le bancarelle di Tønder, nello Jutland meridionale , dove si servono salsicce con cavolo verde e salsa bechamelle. Per chi soggiorna nella capitale , c’è il famoso mercatino con pista di pattinaggio ai Giardini di Tivoli , quello di Nyhavn tra le navi ancorate lungo il canale, e in piazza Amager Torv il tradizionale appuntamento di design che mette in mostra i tavoli d’autore del Royal Copenhagen addobbati per le feste con suppellettili, candelabri e altre decorazioni, ogni anno secondo un tema diverso. Da vedere anche il Salotto Natalizio nel vecchio maniero di Gammel Holtegaard, il mercatino di Aalbrog e quello della città di Amleto, Helsingør.

[tags]mercatino di natale, terme, tradizioni, ricette[/tags]

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra