Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

La Riviera Partenopea: primavera di relax

Pastasciutta, pizza, mozzarella, pastiera, babà e limoncello. Dal primo, ai formaggi, ai dolci, per chiudere poi con i liquori, il tratto di costa che da Castellammare di Stabia si spinge fino ad Amalfi è una specie di eldorado dei sapori e dei profumi mediterranei, una settantina di chilometri da percorrere con appetito ed entusiasmo, certi che ogni incontro con la gastronomia e i prodotti tipici locali si trasformerà in un’esperienza memorabile.

Travolgente per le papille gustative, l’itinerario che si snoda attraverso Vico Equense, Sorrento, Positano, Amalfi e Ravello – per citare solo le tappe più importanti – è però anche una gioia per gli occhi e lo spirito.

In questo tratto, la costa si erge alta sul mare, tutta a insenature e piccole baie, paesi dalla storia millenaria e strade a picco sul blu: un concentrato di atmosfera e suggestione che ha fatto di questo spicchio di Campania a mezz’ora da Napoli una delle mete predilette di Richard Wagner, Greta Garbo e Jacqueline Kennedy. Se a cogliere tra i primi la bellezza di questi luoghi furono gli imperatori romani Augusto e Tiberio, la ‘fondazione turistica’ della costa avviene nell’Ottocento. In quel secolo, infatti, la scoperta della grotta Azzurra di Capri e la conversione di due storici conventi di Amalfi in locande per viaggiatori fa inserire il litorale che da dopo Napoli arriva in vista di Salerno tra le mete imperdibili del Grand Tour.

Ischia, Procida e Capri: le tre isole napoletane, per la bellezza e singolarità dei paesaggi, sono mondi a parte, dotati di una propria, spiccata specificità tanto nella geografia quanto nell’atmosfera. Una natura dagli ambienti spettacolari, la fitta rete di testimonianze storiche, la serena dolcezza del clima, la bellezza della vegetazione e del mare spiegano la lunghissima tradizione turistica internazionale di Ischia e Capri. La natura vulcanica di Ischia e Procida è evidente nelle numerose e celebri sorgenti termali della prima (che le hanno fatto avere il soprannome di "isola della salute"), e nei quattro crateri (ormai erosi dal tempo) che formano la seconda. Capri, invece, è un gigantesco masso calcareo che costituisce, geologicamente, una propaggine della Penisola sorrentina. Profondamente incisa da dirupi, grotte, caverne, senza acque sorgive, con coste spesso a strapiombo e fronteggiate da spuntoni e scogli, ha un aspetto altamento scenografico.

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra