Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

La notte delle lanterne

La manifestazione si svolge sempre il sabato che precede il giorno delle Sacre Ceneri. Quest’anno sarà il 2 febbraio 2008.

Rappresentazione dell’antico carnevale con le figure tipiche del Rölar e del Kheirar che disciplinano le due schiere di maschere: quelle belle e quelle brutte.

La comunità di Sauris, ha ripreso l’antica tradizione del Carnevale Saurano che ha conservato gli usi e costumi di questa particolare isola alloglotta tedesca, testimoniati dal "Rölar" e dal "Kheirar", personaggi principali della rappresentazione carnevalesca saurana. 

Dal primo pomeriggio, sotto la guida delle due figure principali ovvero il "Rölar" (figura magica, demoniaca, misteriosa ed elettrizzante con il volto ricoperto di fuliggine, il cui nome deriva da "röln", sonagli metallici, quelli che porta alla vita e che agita in continuazione e che faceva apparizione nelle contrade delle varie frazioni per avvertire la gente che si preparasse alla mascherata) ed il "Kheirar" si raduna di frazione in frazione un corteo di "Scheintena schembln (brutte maschere, con l’abbigliamento il più possibile fantasioso e rozzo) e "Scheana schembln" (belle maschere, con vezzosi abiti locali) tutte con il volto rigorosamente coperto con un fazzoletto o con una maschera in legno. 

Queste tipiche maschere sono state fedelmente riprodotte da artigiani del luogo, basandosi sugli originali conservati al Museo delle Arti e Tradizioni Popolari di Tolmezzo. Raggiunta la frazione di Sauris di Sopra, tutte le maschere, accompagnate dalla folta schiera di turisti, con le lanterne accese si apprestano a proseguire a piedi per un antico e suggestivo percorso notturno tra le secolari abetaie, dove la neve riverbera il chiarore della luna per giungere al Sauris di Sotto dove dopo il percorso per le vie del paese, si raggiungerà il punto ristoro sotto un tendone riscaldato dove si potranno degustare prodotti tipici della valle (prosciutto, minestrone d’orzo e fagioli, crauti, cotechino, dolci ) e dove si proseguirà la serata con danze ed allegria.

Per Informazioni: Ass. Tur. Pro Sauris – Tel. 0433.86218 – A.I.A.T Sauris – Tel. 0433.86076

www.carnia.it

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra