Home / Eventi, Sagre e Festività / “La diana”- sveglia notturna

“La diana”- sveglia notturna

Rullo di tamburo e grancassa – giro per tutto il paese nella notte della Candelora 2 febbraio– il suddetto rito ricordava la devastazione subita dai rapollesi da Galvano Lancia, signore a servizio di Manfredi nel 1254.

Attualmente viene ricordato come un evento gioioso che precede la festa del Santo patrono San Biagio che viene festeggiato il 3 febbraio di ogni anno.
La diana viene preceduta dai " Falò di San Biagio" fuochi che si accendono la sera della vigilia della festa , verso l’imbrunire , dopo aver letto il prete l’ultima " curnedda" preghiera di San Biagio, parte il concerto bandistico per le vie del paese invitando i vari quartieri ad accendere il fuoco.

Tradizione vuole che sotto le ceneri del falò vengono messe le patate novelle segno di rinnovamento dello spirito, cotte , con aggiunta di sale, vengono mangiate e gustate con un buon bicchiere di vino aglianico.

A tarda sera ogni famiglia porta in casa un cucchiaio di cenere , come segno di benedizione.

Dalla mezzanotte in poi inizia la veglia notturna " Diana" come segno gioioso che annuncia un giorno di festa.

Per Maggiori Informazioni:
Comune di Rapolla Tel. 0972.647111
info@comune.rapolla.pz.it
www.comune.rapolla.pz.it

 

About Il Conte

Check Also

Sagre dell’Uva Ottobre 2018

E’ iniziato il periodo della vendemmia da qualche giorno e con essa anche le sagre …

Lascia un commento