Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Capodanno 2009 in Grecia

Il 1 Gennaio è il giorno di San Basilio (corrisponde a Babbo Natale). Come per la vigilia di Natale anche per il 31 Dicembre i ragazzi in gruppo si recano di casa in casa per cantare le cosiddette “Calanda” di buon augurio per il Nuovo Anno e tenendo in mano un melograno. La sera della vigilia si puo’ scegliere di festeggiare l’arrivo del nuovo anno in casa o fuori in un locale, ma in entrambi i casi, dopo il classico cenone, allo scoccare della mezzanotte e’ consuetudine spegnere e riaccendere subito le luci per cacciare il vecchio anno e salutare quello nuovo.

Dopo il rituale scambio di saluti e doni, c’e’ il taglio della “vassilopitta” (in greco “torta di San Basilio”), il tradizionale ciambellone di Capodanno a base di latte, uova, burro e zucchero, nel cui interno e’ stata inserita una moneta. In famiglia spetta al capofamiglia tagliare la vassilopitta; infatti, il taglio viene fatto con grande solennita’ e chi trova la moneta viene considerato il fortunato dell’anno. La prima fetta viene destinata a Cristo, la seconda alla Madonna, la terza a San Basilio, poi alla casa, al capofamiglia e via via a tutti gli altri membri della famiglia seguendo una rigida gerarchia. Anche ad Atene e nelle grandi citta’ la tradizione della vassilopitta e’ osservata ancora oggi; pero’, normalmente non viene piu’ preparata in casa ma comprata direttamente in pasticceria.

La sera del 31 Dicembre si tenta anche la fortuna giocando a carte: il gioco di gruppo piu’ usato e’ il “31”. Un’altra usanza caratteristica (specialmente nell’isola di Amorgos) del 1° dell’anno e’ la scelta della persona che per prima quel giorno deve entrare in casa (in greco “podario’”). Pertanto, la persona prescelta entra nella casa seguendo un rituale ben preciso: fa due passi in avanti (il primo con il piede destro) e due passi indietro per far entrare la fortuna e scacciare la sfortuna. Ripete il movimento tre volte e poi la terza volta entra nella casa e scaglia con forza un melograno per terra affinche’ si rompa in segno di prosperita’ e fortuna.

Nella Grecia del Nord tra il giorno di Capodanno e l’Epifania, e’ usanza mascherarsi solitamente da novella sposa, da gentiluomo o da vecchia nonnina. L’Epifania e’ considerata in Grecia una grande festa religiosa, perche’ ricorda il giorno in cui Cristo venne battezzato da San Giovanni Battista sulle rive del fiume Giordano. Proprio in questo giorno l’acqua viene benedetta, purificata ed in base ad una credenza popolare si ritiene che gli spiriti maligni si allontanano dalla terra mentre l’acqua del mare diventa dolce e potabile. Alla vigilia, dopo la messa in chiesa, nei villaggi e nei quartieri il sacerdote visita tutte le case per la benedizione con un ramoscello di basilico immerso in un bicchiere di acqua benedetta con la quale cosparge le varie stanze.

La mattina dell’Epifania il sacerdote getta una croce nell’acqua, cosicche’ venga benedetta. Lo stesso rituale viene ripetuto nei porti e nei fiumi, mentre gruppi di giovani si tuffano in acqua per recuperare la croce. Nel momento in cui la croce viene gettata nell’acqua tutte le navi ancorate nel porto suonano con insistenza le sirene e le chiese celebrano l’evento con continui rintocchi di campane. Nelle grandi citta’ questa cerimonia assume un carattere piu’ ufficiale per la presenza delle Autorita’ e la partecipazione di bande musicali. Si dice che se una persona esprime un desiderio il giorno dell’Epifania questo si avverera’ perche’ in questo giorno il cielo e’ aperto.

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra