Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Capodanno 2009 ad Alpe Dèvero

Un Capodanno al confine con la Svizzera? L’Alpe Dèvero si trova all’estremo nord della Regione Piemonte, è posto all’interno del Parco Veglia-Devero, nella provicia del Verbano-Cusio-Ossola. Situata in provincia di Verbania nel vasto comprensorio delle Valli dell’Ossola, l’Alpe Dèvero è un’ampia conca di origine glaciale ai piedi di una maestosa cerchia di montagne, parte del Parco naturale regionale Alpe Veglia e Alpe Dèvero. La bellezza di uno scenario incontaminato rende vivamente consigliabile una vacanza di immersione in questa natura, facendo riferimento a strutture ricettive semplici ma confortevoli.

La voglia di visitare un posto splendido come questo e trascorrere una indimenticabile settimana bianca, pur non essendo alpinisti o sciatori provetti, vi è data da questi luoghi in cui ci sono molte possibilità di itinerari escursionistici di grande soddisfazione che vanno dalla passeggiata di un paio d’ore alle grandi traversate di un’intera giornata, che vanno dalle discese nere a quelle molto più soft.

L’escursione più classica è il giro del Lago di Dèvero o Codelago. Il giro completo richiede una camminata con moderati saliscendi di un paio d’ore e scegliamo di compierlo in senso orario per godere il conforto del sole, sbucato da pochi minuti dal crinale opposto illuminando la sponda occidentale. Lo scenario è molto suggestivo, con i folti lariceti, le imponenti cime all’intorno, la caratteristica isoletta che spicca nel lago, i pescatori imbaccuccati appostati sulla riva, tanto da ricordare, senza esagerazione, un paesaggio scandinavo o canadese. Disponendo di più giorni e prevedendo una bella traversata con un altro pernottamento in rifugio, ad esempio al Margaroli sulle rive del Lago Vannino, esistono parecchie possibilità di combinare i numerosi sentieri, ad esempio spingendosi fino al valico di Scatta Minoia per poi scollinare sul versante della Val Formazza e scendere a una delle frazioni dell’omonimo comune, quali Valdo o Canza.

Grazie alla sua favorevole esposizione la neve è presente ed abbondante da novembre ad aprile: proprio per questo motivo essa rappresenta la meta di tutti coloro che praticano sia lo sci di fondo che lo sci alpinismo. Le piste di sci dell’Alpe Devero sono adatte anche per coloro che mettono gli sci per la prima volta e sono presenti ovunque nella piana, dove è possibile anche noleggiare l’attrezzatura completa. Per chi invece vuole qualcosa di più impegnativo da quest’anno è disponibile il nuovo tracciato che dall’Alpe Devero sale dal “Vallaro” per raggiungere Crampiolo e quindi il Lago del Devero. Le piste di sci di fondo sono costituite principalmente da tre anelli adatte anche ai fondisti principianti; mentre per chi pratica lo sci alpinismo, l’Alpe Devero offre possibilità di escursioni ad altissimo livello. Gli impianti di sci in totale sono quattro e raggiungono Monte Cazzola da cui si snodano le piste da discesa di media difficoltà e un’interessante zona di fuoripista praticabile in tutta sicurezza.

Un luogo con queste caratteristiche fa venir voglia di prenotare immediatamente un alloggio per assicurarsi una settimana da sogno…un inizio anno da favola…

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra