Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Campania da godere

Dal Mare alla valle del Sannio, passando per la Terra di lavoro e l’Irpinia sino al Cilento, la Campania riserva al viaggiatore gourmet sapori inattesi e autentiche rarità. Giacimenti gastronomici più o meno noti, oltre la pizza e la mozzarella, straordinari frutti della terra come i pomodori di San Marzano e le mele annurche di Benevento, e prodotti di antica tradizione contadina, lavorati ancora oggi come un tempo come il provolone del Monaco, il salame di Napoli e il capocollo. Sapori di terra e di mare, accompagnati da vini eccezionali e da un olio extravergine d’oliva che nulla ha da invidiare ai migliori oli nazionali. Superbi dolci, tutti di antica tradizione, dalla sfogliatelle sfolgia e riccia, amata da Totò ed Eduardo De Filippo al sontuoso babà, alla pastiera pasquale scrigno di aromi di primavera…

Il viaggio gustoso inizia alle falde del Vesuvio, territorio nutrito da un sole generoso e dalla terra vulcanica; sui crinali del formidabil monte, allignano frutti e vitigni eccezionali, già decantati da Plinio il Vecchio. È questa la terra del Lacrima Cristi, dei pomodorini del peinnolo e dell’albicocca vesuviana, succosa e dolcissima. Dal Vesuvo si raggiunge la penisola sorrentina e di qui si prosegue lungo la costiera amalfitana tra terrazze verdi, sospese tra cielo e mare, e spettacolari insenature. Un itinerario tra i più belli del mondo, delizia per gli occhi e palato, una strada dei limoni, aspra e succosa, baciata dal sole e dall’aria salmastra. Grossi e profumatissimi quelli di Sorrento e Massa Lubrense, ricchi di aromi ed oli essenziali quelli di Amalfi (sfusati). Da secoli vengono coltivati sui terrazzamenti scoscesi che degradano sul mare, protetti dalle pagliarelle e dai muri di pietre a secco. Fanno capolino tra il verde intenso del fogliame, si offrono generosi al viaggiatore lungo la strada esposti in grappoli, blandiscono il palato in mille preparazioni artigianali. Dolci, marmellate, infusi e liquori, piante millenarie, tra cui eccelle il limoncello, quello vero…

Da Amalfi si prosegue per Cetara, piccolo borgo marinaro incastonato tra le rocce e il mare. Qui da generazioni, si tramanda il rito e la ricetta della colatura delle alici: un procedimento che inizia a maggio, quando le alici sono più grasse e grosse, e si protrae fino a dicembre. Le alici vengono pulite e scapezzate, e lasciate in una tinozza a dissanguare con acqua e sale. Poi vengono salate e disposte a strati in grossi barili chiusi da pietre; a dicembre si forano i barili e si raccolgie il prezioso liquido che ne cola e con cui si condisce la pasta e piatti di verdura. Il Cilento è una terra straordinaria di paesaggi e tradizioni, una riserva naturale intatta e protetta dal Parco Nazionale e dichiarata dall’Unesco riserva di biosfere. Si protende come una penisola tra i golfi di Salerno e Policastro, è delimitata a nord dall’Alburno e ad est dal Vallo di Diano. Qui la tavola riserva sapori antichi genuini, a cominciare dai latticini tra cui eccelle la mozzarella indo a murtedda prodotta con latte di vacca podolica, avvolta in rami di mirto.

Lungo la costa il pesce è protagonista, ma nei borghi interni trionfano le carni con capretti e agnelli dei pascoli montani. Dal Cilento il nostro viaggio prosegue verso nord nel Sannio Beneventano, terra di streghe e santi, di borghi arroccatti e antiche tradizioni. Di sapori forti e robusti, e di grandi vini. Da Sant’Agata dei Goti a Telese si stendono i filari di vite e si susseguono le cantine importanti. Di borgo in borgo si scoprirà la piacevolezza del Solopaca bianco e rosso, della Falanghina, vino dorato ed elegante dal profumo fruttato e persistente e l’Aglianico rosso rubino. E accanto ai grandi vini, i sapori del Pecorino di Laticauda e del Prosciutto di Pietraroja. Da Morcone, incantevole borgo arrocato, a Sant’Agata dei Goti, tra le cittadine più belle ed antiche, sino a Pietralcina per gustosi carciofi, il viaggiatore goloso e appassionato di arte e cultura troverà paesaggi e luoghi inattesi dove la storia ha lasciato segni suggestivi.

Fonte : www.viaggiatori.com

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra