Turismo per Caso – Guide Viaggi e Offerte Vacanze

Turismo per Caso - il Blog

Un viaggio di lavoro che diventa Vacanza...
Un Campo Studio che si trasforma in Viaggio...
Una semplice Gita ma con gli occhi del Turista...
Viaggio, Week-End, Agriturismo, Sagra... e Tu?

Cerca Voli LowCost

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

A Sarteano per un weekend si entra nella storia.

Il 25 novembre si celebra la Festa della Toscana, un’occasione per inoltrarsi nelle verdi colline della Val di Chiana e nel bel borgo di Sarteano e partecipare a una cerimonia in costume che ricorda il giorno in cui ricorre l’anniversario della Riforma Penale promulgata, nel 1786, da Pietro Leopoldo di Lorena, Granduca di Toscana, in seguito alla quale la Toscana divenne il primo Stato al mondo in cui si abolì la pena di morte.

La parata si muoverà attraverso Piazza Barzagli, dove sorge la Chiesa di San Francesco, fondata dal Santo nel XIV secolo e rimaneggiata nel 1480 dal futuro Papa Piccolomini, Pio III. Da qui ci si trasferirà in Corso Garibaldi, da dove è possibile ammirare due gioielli d’ architettura: la medievale Chiesa di San Lorenzo e il settecentesco Palazzo Cennini. Il corteo storico si avvicinerà al Castello di Sarteano, le cui origini risalgono ancor prima dell’anno 1000 e del quale resta integra una cinta muraria delle quattro antiche, per arrivare poi al Teatro degli Arrischianti, le cui prime notizie risalgono alla fine del XVII sec.

Infine, è possibile visitare quello che è il tesoro storico artistico più di rilievo di Sarteano e non solo: uno dei gioielli etruschi più eclatanti e da poco riportato alla luce. Si tratta della tomba della Quadriga Infernale, all’interno della quale è possibile apprezzare un grandioso ciclo di affreschi dai colori ancora vivaci e brillanti che spiccano sopra l’intonaco bianco e risalgono alla seconda metà del IV secolo a.C. La sua eccezionalità è costituita soprattutto dall’originalità dei temi iconografici trattati, e dalla presenza, sul lato del corridoio di accesso, di una quadriga composta da due leoni e due grifi che trainano un carro condotto da un demone dall’aspetto inquietante. E’ uno dei più affascinanti e misteriosi cicli di affreschi etruschi mai visti, al quale si può giungere attraversando la suggestiva necropoli monumentale delle Pianacce, superando nove grandi ipogei scavati nel travertino. Da qui si scorge il Monte Cetona, più lontano il lago Trasimeno e le colline che già guardano all’Umbria.

Per informazioni:
Comune di Sarteano  – Ufficio Cultura
Tel.: 0578 269217
Fax: 0578 269208
e-mail: cultura@comune.sarteano.siena.it
web: www.comune.sarteano.siena.it

[tags]toscana, siena, festa sarteano, week enk toscana, turismo per caso[/tags]

Puoi seguirci tramite RSS Feed oppure Iscriverti alla Newsletter

Commenti

Lascia un Commento

Sei entrato per lasciare un commento.


© 2007 - 2016 Turismo per Caso - powered by La mia Ombra